MENU
mont-sainte-anne-gwin-win-evi

Aaron Gwin domina a Mont Sainte Anne

Terza vittoria per Aaron Gwin (Trek World Racing) che sale sul gradino più alto del podio a Mont Sainte Anne (Canada). L’americano del team Trek ha disputato una run spettacolare. Veloce come nessun altro, Gwin ha guidato in maniera perfetta; vederlo in azione è assolutamente incredibile, nemmeno le rocce del percorso canadese sono riuscite a rallentare la “folle corsa” di questo rider che a 24 anni sta dominando le gare più importanti di coppa del mondo. Gwin è riuscito a battere per la terza volta consecutiva il rivale Greg Minnaar (Santa Cruz Syndicate) distaccandolo di oltre due secondi.

Minnaar ha infatti conquistato il secondo posto assoluto correndo una run di gara pulita e veloce, anche se ciò non è bastato a contenere l’impeto del rider americano. Ormai le gare di coppa sono anche “un’aspettare Gwin“, perché ogni volta lo spettacolo è al cardiopalma quando Gwinny lascia il cancelletto. Terzo gradino del podio per il campione del mondo in carica Danny Hart (Giant Factory Off Road Team). L’inglese ha pagato quasi tre secondi di distacco dal primo classificato. Comunque rimane uno dei rider più stilosi e spettacolari dell’intero circus.

Quarta e quinta posizione rispettivamente per Gee Atherton (GT Factory Racing) e Sam Hill (Monster Energy Specialized). Hill in particolar modo ha dimostrato di aver recuperato pienamente dal “periodo buio” di qualche tempo fa, sta infatti correndo una stagione molto positiva.

Ottime prestazioni anche per Brook McDonald (MS Mondraker), Steve Smith (Devinci Global Racing) e per Andrew Neethling (Giant Factory Off Road Team). Entrambi hanno avuto l’onore di accomodarsi sull’hot seat ed hanno concluso la gara rispettivamente in sesta, settima ed ottava posizione.

Unico classificato tra gli italiani è Lorenzo Suding (Pila Black Arrow), trentesimo al traguardo con un distacco di poco superiore ai tredici secondi.

Brutto crash poi per Neko Mulally (Trek World Racing) che è incappato in una caduta sul landing di un salto del percorso canadese. Per lui tanto spavento, pensate che la gara è stata sospesa, ma alla fine si è rialzato con le proprie forze. A dimostrare che il percorso canadese non perdona i tanti inconvenienti tecnici sulle bici. Catene spezzate e forature non sono mancate durante la quarta tappa di coppa. Un plauso a Mick Hannah (Hutchinson United Ride) che ha dimostrato che sulla bici anche senza catena si riesce a fare un buon tempo; concluderà, nonostante la noia tecnica, in quindicesima posizione.

Di sicuro quello che oggi non è mancato a Mont Sainte Anne è stato lo spettacolo. Il percorso canadese si riconferma essere uno dei più adrenalinici tra quelli in calendario, non solo per i rider ma anche per tutti quelli che hanno avuto il piacere di assistere ad una gara straordinaria. L’appuntamento con la World Cup è ora per il prossimo week end con la veloce tappa di Windham (Stati Uniti).

FEATURED IN THIS POST

One Response to Aaron Gwin domina a Mont Sainte Anne

  1. Fabrizio Ferraris scrive:

    che gara che pista quanti urli dalla mia sedia….a questo punto mi devo totalmente arrendere alla supremazia di gwin 8 vittorie in due anni e con ancora tre tappe di coppa è qulacosa di incredibile….stiamo vivendo la storia della dh forse un secondo vouilloz….ora puo perderla solo lui la coppa..
    ps grande sam finalmente è tornato e x me è solo un immenso piacere

Lascia un Commento