MENU
economic-charts

Economic Charts – le grandi aziende tirano le prime somme

Probabilmente avrete notato che su TriRide pubblichiamo le notizie economiche più importanti del mondo delle due ruote. Non si tratta esclusivamente di dati noiosi ma anche di informazioni preziose che ci fanno capire come si sta evolvendo il nostro sport e in quale direzione si sta muovendo. Date un’occhiata al primo report trimestrale delle più grandi aziende del bike business. Molti di voi conosceranno Merida e Giant ma probabilmente non avrete sentito parlare di Derby Cycles e del gruppo Accell. La prima detiene i diritti di marchi come Focus, Raleigh, Univega e molti altri ancora, mentre fanno parte di Accell Group costruttori come Lapierre, Koga e Ghost.

Dopo i primi tre mesi del 2012 le più grandi aziende del bike business tirano le prime somme. Giant e Merida, primi produttori taiwanesi, hanno avuto entrambi un netto calo del fatturato nel mese di gennaio 2012. Giant ha visto decrescere le vendite del 6,19%, secondo il costruttore taiwanese, questa perdita è stata provocata dal minor numero di giorni lavorativi dovuti al capodanno lunare cinese che ha causato non pochi ritardi nelle spedizioni internazionali.

Anche in casa Merida la situazione non è delle migliori. Nel solo mese di gennaio la factory ha visto decrescere il fatturato del 35,9%. Ciò nonostante l’azienda taiwanese gode di un forte incremento delle vendite in Cina. Secondo Merida il valore delle operazioni tra Taiwan e Cina è salito del 64%, portando così le entrate di gennaio a quota 1,177 miliardi di dollari (circa 30,1 miliardi di euro).

Decisamente migliore la situazione di Derby Cycles, il gruppo ha visto crescere il fatturato del 6,6% durante l’ultimo trimestre. La società ha venduto 82.000 bici nei primi mesi dell’anno finanziario, con un incremento pari all’1,3% rispetto al 2011. Circa 12.000 le bici elettriche vendute in Germania mentre solo 2000 unità sono state vendute negli altri paesi europei. Le vendite di e-bike in Germania hanno fatto registrare un incremento pari al 12,5% occupando circa il 70% delle vendite totali europee. Negative invece le vendite negli altri paesi europei che hanno provocato una perdita pari al 3,3% rispetto allo scorso anno.

Nonostante la crisi del debito in Europa, Derby Cycles prevede un’ulteriore crescita delle vendite per il resto dell’anno.

Le prospettive rimangono positive” commenta Matthias Seidler (CEO Derby Cycles), “…già i pre-order book sono pieni e ci aspettiamo un aumento del 25% entro settembre 2012”.

Ottimi i risultati nel mercato statunitense, Derby chiude il primo trimestre del 2012 con un +51,7%, anche se questo segmento rappresenta solo il 5,5% delle vendite complessive.

Accell Group ha registrato un aumento del fatturato pari al 9% rispetto al 2011. La maggior parte di questo dovuto alla forte vendita di bici elettriche. Anche qui la Germania è stata la nazione che ha fatto registrare più incassi.

Siamo soddisfatti dei risultati raggiunti”, ha detto René Takens (Amministratore Delegato di Accel Group)…soprattutto considerando la situazione economica attuale che rende incerti i consumatori a fare acquisti. La bicicletta elettrica continua a guadagnare popolarità nei Paesi Bassi e in Germania, questo segmento rappresenta oggi il 31% del fatturato totale di Accell Group”.

Fonte: bicycleretailer.com e bike-eu.com

FEATURED IN THIS POST

One Response to Economic Charts – le grandi aziende tirano le prime somme

  1. Tiziano Mammana scrive:

    Molto interessanti queste notizie Vik!!! Ne vogliamo sempre di piu! ;)

    (0)(0)

Lascia un Commento