MENU
schladming_simon_finals-in_evidenza

Schladming – Simon Cittati photostory finale

Sabrina Jonnier e Tracy Moseley si abbracciano: la prima ha vinto il titolo overall di Coppa del Mondo vincendo 6 gare su 8, la seconda le ha tolto la soddisfazione di arrivare prima in due occasioni. A Pietermaritzburg, in apertura di stagione, e oggi, qui a Schladming.

Floriane Pugin, prima in qualifica e seconda in finale. Conferma il risultato dello scorso anno, anche se quest’anno più di una persona pensava potesse riuscire a conquistare la sua prima vittoria in Coppa del Mondo. Next year…

Numero uno sulla maglia, numero due sulle schiena. Un’anticipazione di quello che sarà il prossimo anno per Minnaar. E già si vocifera di un cambio di team…

La dolcezza di un campione: Steve Peat, settimo oggi e terzo overall, appena arrivato si ferma a salutare il figlio Jake, che lo aspettava in braccio alla mamma. Un mito.

Brendan Fariclough aveva tutte le carte in regola per vincere qui a Schladming, ma non ha retto alla pressione. E’ finito comunque quinto, segno di una maturità che è finalmente arrivata.

Né il tempone a sorpresa staccato da Minnaar né la fantastica performance di Blenkinsop hanno intimorito Hill, che ha rifatto sua Schladming e tenuto saldamente sulle sue spalle la maglia di leader: è il primo grande successo per Hill su Specialized, e il prossimo anno la stagione sembra fatta apposta per lui. Vedremo…

Hill è cambiato: sarà stata la bomba che ha preso in Val di Sole, ma il musone di una volta ora sorride quasi sempre, e oggi si è presentato sul podio con una fantastica giacca di paillette dorate davvero incommentabile.

Previous post:
Next Post:

FEATURED IN THIS POST

Lascia un Commento