MENU
val-d'isere-world-cup-photostory-finals-evi

Val d’Isere World Cup – finali photostory

Ieri abbiamo assistito ad una gara spettacolare, a Val d’Isere (Francia) lo spettacolo non è assolutamente mancato. Per la prima volta in carriera Brook MacDonald (MS Mondraker) conquista una vittoria in coppa del mondo, mentre Gwin (Trek World Racing) con i punti guadagnati si porta a casa per la seconda volta la vittoria nell’overall. Jacob Gibbins ha realizzato alcuni scatti per raccontare le finali della gara francese.

Il comprensorio francese della Val d’Isere si è rivelato uno spot fantastico per la coppa del mondo. Malgrado il tracciato non fosse tra i più lunghi e fisici della stagione, roccia, pendenze e drop da brivido hanno infiammato spettatori e rider.

Aaron Gwin abbraccia Brook MacDonald. MacDonald vince la sua prima gara di coppa del mondo mentre Gwin si aggiudica per il secondo anno consecutivo l’overall di coppa.

Un folto pubblico ha assistito al sesto round della World Cup 2012. In Francia sono stati tanti gli appassionati che hanno incitato i loro beniamini.

Lo juniores Jacob Gois impegnato in uno dei tratti più difficili del percorso francese. La roccia e le radici hanno reso lo spettacolo decisamente entusiasmante. Questo deve essere da monito agli organizzatori che dovrebbero preferire tracce come quella di Val d’Isere alle “autostrade” che troppo spesso sono inserite nei calendari di coppa del mondo.

Tra le donne vince Rachel Atherton (GT Factory Racing). Giunta alla sua terza vittoria stagionale, la Atherton domina anche l’overall femminile.

Il vincitore di Val d’Isere mentre aggredisce una delle curve del percorso francese. Irruente e con una guida spettacolare Brook MacDonald è riuscito finalmente a salire sul gradino più alto del podio di una gara di coppa.

Oscar Härnström (Pila Black Arrows) in azione sulla parte bassa del tracciato.

Aaron Gwin si era infortunato durante le qualifiche procurandosi un vistoso taglio ad una mano. Niente male per l’americano che nonostante la ferita riesce sempre a stupire.

Lascia un Commento